Green, Healthy & Etic

Cioè Verde, Salutare ed Etico 

Questi non vogliono essere consigli pretenziosi ma solo curiosità per chi sta cercando come ho fatto io delle notizie sui prodotti. Queste liste sono quindi ciò che è diventato il nostro stile di vita.
Per vivere il più possibile in modo naturale, non abbiamo bisogno di coloranti, conservanti e prodotti chimici, perchè a lungo andare essi sono solo nocivi per noi e per l'ambiente. 
Quindi personalmente facciamo una spesa consapevole, non per essere fissati o paranoici ma per essere attenti alla nostra salute e al nostro benessere e a quello dei figli che vorremmo tanto avere
Le allergie e le dermatiti preferiamo evitarle ad esempio e poi finalmente il mondo è più vigile e attento rispetto al consumo dei prodotti finiti e quindi non è più un segreto che quelli distribuiti dalle multinazionali non siano quelli più indicati.
Andiamo una volta a settimana nei negozi di fiducia e usufruiamo degli sconti, compriamo tutto il necessario  per la settimana e guardiamo molto bene le etichette.  
O meglio ancora andiamo al mercato, ci sono infatti mercati in molte città e in ogni piccolo paese e lì possiamo approfittare di mercati speciali come i mercati dei Coltivatori Diretti. Possibilmente cerchiamo anche i mercati dei contadini. Sarebbe interessante anche partecipare ai G.A.S. (Gruppi di acquisto solidale.)

P.s.: Il mio blog è assolutamente convinto di essere free adv cioè niente pubblicità quindi se trovate riferimenti a siti non allarmatevi. E' puramente un riferimento utile per chi mi legge e io non vengo pagata per farne i nomi.
Non vedrete mai pertanto pubblicità lampeggianti nella mia home page che si riferiscono a contratti firmati da me con aziende terze perchè io non sono interessata a percepire un guadagno economico da esse.
 

Quando facciamo la spesa:
A) come ALIMENTARI

1]Frutta e verdura:

Compra sempre frutta e verdura di stagione se ti è possibile: 
il prodotto di stagione è migliore dal punto di vista vitaminico e della qualità perchè è coltivato con le temperature che esso richiede alla sua stagione e non in serra con temperature artificiali. 
I colori della frutta e della verdura di stagione sono brillanti e sono molto utili per il nostro organismo; tutti i loro antiossidanti e le loro vitamine aiutano a mantenerci in salute, specialmente se consumati crudi.
Attenzione però perchè se il prodotto non è biologico certificato, la buccia non andrebbe mangiata, a meno che, anche se non bio, sull'etichetta non sia specificato che esso non è stato trattato con cere. (Anche alcuni formaggi possono avere queste cere, che vanno tolte bene al momento del consumo.)

I grandi problemi della verdura e della frutta venduti nella grande disposizione possono essere:
  • che probabilmente, esse sono state trattate con diserbanti vari (ma questo non vuol dire che comprando al mercato si eviti il problema, quindi lavare sempre bene prima di consumare; 
  • la catena del freddo e della freschezza alterata, quindi mancanza di adeguata irrigazione dei prodotti sul banco al momento della vendita e trasporto da parte dei fornitori e messa negli espositori effettuata in modo non corretto (ad esempio spegnendo la refrigerazione dei camion durante il trasporto per arrivare più veloce al luogo di cosegna o lo stallo dei camion in magazzino, in coda per essere scaricati).
Toccare bene con il guanto e assicurarsi che il prodotto sia turgido, con un bel colore e odore. 
Il pesce, la carne e i salumi avariati si riconoscono dall'odore e dal colore. Inoltre vedi il passaggio successivo che riguarda il km 0 per la filiera corta.
Se possibile coltivare la verdura e la frutta da sè in orto o sul balcone. Tanti siti specializzati offrono ottimi consigli su cosa fare divertendosi!

Compra frutta e verdura italiana:
Non per razzismo ma perchè, oltre a contribuire all'accrescimento del commercio interno e dei coltivatori italiani, evitiamo anche di comprare prodotti che per arrivare da noi hanno percorso migliaia di km e che quindi possono aver subito lunghi viaggi che ne compromettono la freschezza ma soprattutto perchè per essere trasportati sino a noi sono state imbarcate su un mezzo di trasporto che ha consumato del carburante o perchè le condizioni di lavoro di chi le ha coltivate non sono state eque.

Se ci sono frutta e verdura scontate comprale solo se sono in buone condizioni:
Può essere un'ottima idea per finire ciò che già è alla fine ma chè è ancora mangiabilissima, piuttosto che prenderne di nuova dagli scaffali.

Compra poca verdura e se è troppa surgelala:
Se ci sono occasioni e sconti compra pure tutta la verdura che vuoi e, una volta a casa, lavala, tagliala e surgelala per poterla utilizzarla quando vuoi. Non tenerla comunque per troppo tempo in freezer perchè può acquistare un odore sgradevole.

2]Il pesce:

Controlla l'etichetta; meglio se allevato in Italia e non nelle acque dei mari inquinati come l'Oceano Indiano o come i fiumi della Cina (Pangasio = Fiume Giallo cioè uno dei fiumi più trafficati e inquinati del mondo). Se al banco l'odore o l'aspetto non convince meglio il surgelato ma sempre occhio a quanto detto sopra.
Purtroppo ho sentito che a volte, al mercato o in vari negozi, irrorano con l'ammoniaca il pesce per farlo rinvenire e per rivenderlo il giorno dopo. Cerchiamo di sceglierlo bene e fare domande al commesso o al pescivendolo cercando magari di andare da un rivenditore di fiducia.
Un occhio di riguardo ai pesci pescati con tecniche invasive come quella a strascico e di specie come Salmone, Tonno, Gamberi, Pesce Spada, Datteri di mare, Bianchetti, Cernia Bruna e Merluzzo.
Consumiamolo di stagione (ebbene sì c'è anche una stagionalità di pesca) e in quantità moderate.


3]Le uova:

"Allevate a terra e BIO" sono quelle che compro io quando le galline di mia zia hanno fatto poche uova come, ad esempio, capita in inverno.
Sarebbe una fortuna se magari anche voi conosceste qualcuno che le ha perchè sono molto fresche e buone e le galline certamente in salute.
E' importante comprare le uova di "allevamento a terra" e BIO perchè le galline scorrazzano libere e non in gabbie illuminate a giorno 24h su 24h, nutrite con mangimi non adatti e con medicinali di origine chimica. Anche la loro carne risente positivamente dell'ambiente circostante che è naturale e sano.
Le uova BIO, rispettano delle restrizioni imposte per quanto riguarda il numero di capi che è limitato, in modo tale da garantire oltre 2,5 mq di prato aperto per gallina. Le galline allevate a terra inoltre non sono sottoposte ad una intensa stagione produttiva, al contrario di quelle in batteria, e quindi depongono uova più ricche ma in numero e dimensioni inferiori.

 4]Il latte:

Il latte è meglio se fresco ma comunque va consumato il meno possibile specialmente in età adulta.
E' un falso mito quello del calcio, come per le proteine della carne. In età adulta, soprattutto, meglio consumare latte vegetale, altrimenti va anche bene il latte di capra che è molto nutriente e privo di lattosio. Latte d'avena e di riso sono degli ottimi sostituti dal sapore delicato.
Il latte di soia e i suoi derivati consumarli moderatamente se possibile. Meglio latte d'avena, panna d'avena e di miglio, di mandorle o di riso, hemp fu, Burrolì.


5]La carne:

Mangiarne poca è consigliato per gli animali stessi, per la salute e per l'ambiente. Se non potete farne a meno, una volta o due a settimana (magari una volta la rossa e una volta la bianca) sarebbe l'ideale. Gli altri giorni si può così dare spazio a uova e/o  formaggio e agli altri prodotti sostitutivi molto nutrienti come legumi, seitan, tempeh, hemp-fu, tofu etc.. che contengono molte più proteine della carne, sempre abbinati a cereali, frutta, verdura fresca, germogli, noci e semi oleosi. Non eccedere con i prodotti derivati dalla soia come sostitutivo e neanche con il seitan perchè potrebbe indurre celiachia. Ovviamente il seitan, in quanto derivante dal grano non è per i celiachi. Alternare sempre i sostitutivi. L'etichetta sulla carne, il colore e l'odore sono molto importanti da guardare quando l'acquistate.

6]Brioches, torte e biscotti:

Attenti ai coloranti e agli zuccheri raffinati oltre che agli oli vegetali dannosi  per la salute come olio di palma e di colza che sono oli di scarto e poco costosi per il produttore, anche se non sempre economici per noi, e non buoni per la salute.
Fate dei biscotti fatti in casa e conservateli in una scatola di latta; si conservano molto bene per una settimana. La domenica alziamoci un po' prima e prepariamo una bella torta da gustare per colazione quando si alzano tutti e che se ben conservata può essere consumata fino a metà settimana per la colazione. In questi dolci e merende sapete cosa ci mettete e soprattutto vi divertirete a farli insieme ai vostri bimbi!

7]Sughi pronti:

I sughi pronti sono pieni di conservanti e quelli con carne al loro interno non fanno di certo gola perchè, quale sugo di carne può durare così tanto in un barattolo?e poi che carne?!?
Facciamoli in casa o acquistiamo quelli di marche che usano ingredienti che si possono contare sulla punta delle dita, senza nomi strani.
Ad esempio dell'ottima salsa di pomodoro priva di conservanti e acidi citrici è quella dell'Alce Nero che noi apprezziamo molto.

Non troviamo la scusa che non abbiamo il tempo per prepararle. Credo sinceramente al fatto che sia difficile preparare la salsa di pomodoro fatta in casa se si vive in città o se si hanno bambini, lavoro, cane, marito etc.. ma possiamo provare a fare così:
Procedimento:
  1. Nella stagione dei pomodori compriamoli al mercato o anche al supermercato (se non abbiamo il mercato a portata di mano o vi è il problema che è solo in mattinata e lavoriamo).
  2.  Facciamo la dadolata e facciamoli cuocere con un po' d'olio e una foglia di basilico o per la passata facciamoli bollire interi e poi passiamoli e dopo averli cotti con basilico e cipolla o al naturale, invasiamoli belli caldi.
  3. Giriamo i barattoli precedentemente ben sterilizzati e riempiti con la salsa calda a testa in giù e copriamoli con uno straccio o una coperta. Rigiriamo i barattoli e conserviamoli per un paio di mesi in un luogo fresco.  
  4. Etichettate sempre per sapere quando è stata fatta. 
  5. Quando aprite un barattolo, se usate solo metà del contenuto, coprite con olio e tenete in frigo per qualche giorno.
  6. Sarebbe buona cosa quella di fare barattoli piccoli perchè non vada sprecata una volta aperto perchè non riusciamo a consumarla.
  7. Un'altra modalità che a volte adopero quando non ho più salsa è quella di fare sul momento un po' di salsa veloce per la pasta con pomodorini datterini o grappolo, tagliando a pezzetti a fecndo andare in padella con scalogno, basilico fresco, sale e olio extra vergine. Molto fresca e dolce.
Dunque, avrete capito che non serve tutta l'attrezzatura da salsa e i giorni passati a girare coi mestoli nei pentoloni.
A casa vostra, una domenica pomeriggio o in uno dei giorni ferie che avete, senza stancarvi troppo, potete fare quella decina o ventina di barattoli della vostra salsa senza acidi citrici e conservanti, che ha il gusto di casa.

8] Succhi di frutta:


Facciamoli sul momento.
I succhi di frutta sono pieni di zuccheri e coloranti e non fanno bene alla nostra dieta. Inoltre una volta spremuta, la frutta comincia quasi subito a perdere le proprie vitamine se con viene consumata subito.
Spremiamo un agrume o frulliamo della frutta e per un ottimo frappè aggiungiamo anche un po' di latte se vogliamo. Rinfrescano e sono un valido energetico.





Riassumendo: Guarda gli ingredienti e la provenienza:
Sicuramente gli alimenti confezionati che troviamo in commercio contengono qualche conservante che li conserva per un periodo di tempo utile al consumo. Ma guardate bene che non ce ne siano troppi o comunque in numero maggiore rispetto agli ingredienti base, guardate anche che non ci siano ingredienti piuttosto ricorrenti e dannosi come l'olio di colza, l'olio di palma (olii vegetali in genere).
Troppi coloranti e vari ingredienti dai nomi impronunciabili non sono certo di buono auspicio. Meno ingredienti strani ci sono più il prodotto sarà buono.
Certamente sarebbe bello imparare a fare in casa molti alimenti e non dite come molte donne "e quando lo faccio?". Se si vuole lo si fa e una mezz'ora la si trova. Ad esempio per fare la marmellata, una torta o dei biscotti mezz'ora basta e avanza. Certamente mezz'ora non basterà per fare il pane o la pasta frolla o sfoglia ma mia mamma la pizza l'ha sempre fatta, mettendo a lievitare e intanto stirava, lavava etc.. 
L'autoproduzione è importante ed è una grande risorsa per la famiglia oltre che una bella soddisfazione.
Quando fai la spesa approfitta dei veri sconti. Compra solo se effettivamente conviene. Gli sconti a volte sono ingannevoli. Fai scorta solo per non dover tornare ogni due per tre. Meglio non prendere verdure e legumi in scatola, meglio legumi secchi.

B) come BELLEZZA Prodotti per l'igiene e la cura del corpo:

1)Carta igienica e fazzoletti:  
Biodegradabili e fatti con carta riciclata. la Coop e la Lucart hanno una linea molto valida e non molto cara. Poi mio marito per fortuna ha conservato l'abitudine del fazzoletto di stoffa [che fa un po' schifo quando lo tiro fuori dalle tasche per lavarlo) ma è molto ecologico :)].


2)Reparto igiene intima e cosmesi- Make Up:
Se riusciamo ad individuare i cosmetici che non nuociono alla nostra salute, non abbiamo bisogno di acquistarli al supermercato.

Ad esempio:
  • shampoo
  • bagnoschiuma
  • sapone mani
  • sapone igiene intima 
  • dentifricio
  • trucchi
Potete aquistarli sfusi presso negozi come il Negozio Leggero, con packaging "vuoto a rendere" che viene ritirato in negozio, mandato in azienda, lavato, disinfettato e riempito nuovamente. 
In cambio di questo reso, ci viene dato un nuovo flacone già riempito. Paghiamo la prima volta il contenitore e dalla seconda volta non lo paghiamo più. Attenzione solo sempre agli INCI cioè la lista degli ingredienti.
A casa nostra i prodotti per la nostra igiene e per la nostra cosmesi sono privi di derivati petroliferi e non sono testati sugli animali.
Non è difficile trovarli e soprattutto non sono, come si può pensare, prodotti di livello inferiore. ANZI! Quando ci laviamo sappiamo che stiamo facendo bene al nostro corpo e che il prodotto che ci stiamo spalmando non è stato analizzato su delle povere bestiole indifese. 
  • A noi piace molto il sapone di Aleppo; l'unico che non ci fa bruciare (specialmente le parti intime) perchè molto delicato e lo usiamo sotto la doccia, per le ascelle e per il viso oltre che per le parti intime.

  • Anche il sapone all'olio d'oliva comprato a Creta ci ha entusiasmato e lo abbiamo usato come detto sopra con il sapone di Aleppo.   
  • Per tutto il resto dei prodotti noi oramai compriamo presso l'Azienda Agricola  Bioleaves

  • Latte detergente (per togliere il trucco),
  • sapone liquido mani,
  • bagnoschiuma, 
  • tonico viso, 
  • shampoo, 
  • sapone piatti, 
  • detergente universale,
  • sapone lavatrice,
  • deodorante (senza alluminio e petrolati),
Ci troviamo benissimo e i prodotti sono made in italy a km 0, non testati, fatti con i prodotti del nostro Piemonte e solo di origine vegetale.

Guarda cosa c'è nei prodotti di bellezza che usi: 
Quando compro dei prodotti per la cura della persona guardo sempre l'INCI
(lista degli ingredienti).
Guardo il Biodizionario e mi informo sulla natura degli ingredienti che spesso hanno nomi incomprensibili e lunghi. 

Ad esempio nel Make up attenzione a:
  • Tetrasodium EDTA cioè tetrasodium edta, un sequestrante,
  • siliconi
  • formaldeide, 
  • altri derivati petroliferi.
Anche se molte aziende, anche Ecolabel, continuano ad usarli, ne esistono altrettanti di origine vegetale e non serve dunque usarne per forza di nocivi. Pertanto, facciamo delle scelte consapevoli e acquistiamo leggendo sempre gli ingredienti.
Impariamo anche a farci da sole i prodotti usando ingredienti naturali ed economici come le maschere fatte con le verdure e la farina e le saponette fatte in casa con l'olio d'oliva.
Internet è una fonte di notizie infinita quindi divertitevi e navigate!

Diffidate sempre delle scaffalate di prodotti spacciati per naturali perchè naturale non vuol dire solo un bel packaging e quattro ingredienti floreali o fruttati ma  veri ingredienti naturali riconoscibili dal nome.
Non compriamo articoli cari e falsamente naturali.
Per il make up consiglio Terra Bio e Montalto Natura e Lily Lolo.


C) come CASA: Prodotti per l'igiene e la cura della casa:

Bicarbonato, limone, aceto bianco, incenso naturale, sono solo alcuni dei prodotti che possiamo utilizzare per lavare e profumare senza intossicarci.
Compriamo un buon manuale o informiamoci in rete sui metodi naturali per la pulizia della casa.
Anche gli oli essenziali naturali sono molto utili per profumare e igienizzare come ad esempio l'olio essenziale di tee tree (ma senza mescolare all'aceto che lo neutralizza). 
Un buon libro è:
 


Diffidate sempre delle scaffalate di prodotti spacciati per naturali perchè naturale non vuol dire con un bel packaging e con quattro ingredienti floreali o fruttati ma con veri ingredienti naturali riconoscibili dal nome.
Non compriamo articoli cari e falsamente sani.
NO a:
  • profumatori per l'auto e per l'ambiente
  • candeggina, ammoniaca, acidi
  • detersivi spray
  • detersivi sgrassanti
  • cera per scarpe
  • tavolette wc
  • ammorbidenti chimici
  • detersivi chimici
SI a:
  • bicarbonato e aceto per sbiancare
  • bicarbonato in un piatto per eliminare odori e umidità in casa
  • incensi naturali
  • aceto spray per vetri e frigo
  • olio per lucidare le scarpe
  • prodotti casa naturali fatti con erbe e saponaria come ad esempio i suddetti prodotti della Bioleaves,
  • limone
  • oli essenziali
D) come Dipendenza da Shopping, Shopping Maniac 

Abbigliamento:
Io sono sempre stata una shopping maniac e purtroppo lo sono ancora, in maniera molto inferiore ma lo sono ancora, specialmente quando mi sento giù.
Ma solo comprando e informandomi tanto ho scoperto che tanti negozi non corrispondevano più alla mia idea di consumo. Ho ricevuto tante di quelle rispostacce e scortesia da commesse/i in fasce che non ne ho più voluto sapere di moltissimi negozi.
Ora il mio negozio di riferimento è assolutamente la Bottega di Altromercato dove compro molto sia alimentari che abbigliamento.
Marina Spadafora, ex stilista di alta moda è ora stilista di moda equo e solidale per scelta etica e morale e per Altromercato ad esempio disegna abiti assolutamente belli eleganti e dignitosi. dateci un'occhiata.
Guardo sempre  qual'è la ditta produttrice e possibilmente che sia di materiale ecologico, tendo ad evitare il tessuto sintetico per i vestiti per le reazioni sulla pelle e compro cotone e lana. Compro equo e solidale.
Ultimamente ho anche acquistato le mie adorate scarpe completamente cruelty free di Camminare Leggero e ne sono molto orgogliosa. E' arrivato il momento di prendere anche la borsa!
Compriamo ancora qualche capo in lana e scarpe in cuoio ma sempre meno che in passato.
E poi facciamo molto scambio di vestiti con mia sorella e mia mamma e quando anche i miei non mi vanno più o non mi piacciono più li regalo volentieri a chi ne ha più bisogno o ad amiche a cui piacciono. 
Sto cercando il più possibile di ridurre l'armadio, che è già minuscolo e straborda, sempre tenendo conto però dell'essere sempre ordinata e a posto (spesso non ci riesco proprio e sembro una pazza).
Per non parlare dell'impatto della produzione dei vestiti sulla terra nonchè dello sfruttamento dei minori e dei deboli per la loro produzione. Prendiamo anche d'esempio quanto successo da poco in Bangladesh.
Leggete questo libro se vi interessa l'impatto ambientale e non solo dell'abbigliamento.
Impariamo a confezionare anche da noi alcuni capi  e compriamoli dalle ragazze e dai ragazzi dell'handmade che li producono per passione o per lavoro in casa. 
Qualche indirizzo utile:

Tecnologia:
Perchè quando ci stufiamo di un telefono o computer ne compriamo subito un'altro? 
Per stare dietro alle mode o per comodità? Io dopo vari tentativi sono tornata al telefono a tasti da 60 euro e per di più dual sim, in modo tale da farci stare due schede con le quali scegliere l'operatore più conveniente.
I computer o gli altri prodotti irriparabili portiamoli da un rottamatore o in un ecocentro e cerchiamo di acquistare solo in base all'esigenza perchè questi cosi ci mettono una vita (se basta) ad essere smaltiti. 
Io i miei vecchi telefonini li ho sempre venduti o regalati a chi ne aveva bisogno. Ricordiamoci che nei paesi poveri ci sonpo persone che per smaltire le nostre tecnologie gaudagnano un euro al giorno e si ammalano di malattie mortali a causa dei componenti che si trovano al loro interno.
Inoltre i telefonini vanno usati il meno possibile per le onde elettromagnetiche.
Televisori e lettori mp3 e quant'altro fateveli durare il più possibile e non abbiate la smania di rendere la vostra casa satura di tecnologia che tenderà sempre a rinnovarsi in tempi brevissimi.
Risparmiate sul traffico internet utilizzando una sola chiavetta per tablet e pc e aderendo ad offerte e se avete già il tablet evitate anche di mettere internet sul telefonino e a casa.
  
E) come Ecologia nella vita di tutti i giorni:
  • fai la raccolta differenziata 
  • ricicla la carta
  • non stampare se non necessario
  • compra pochi imballaggi
  • mangia meno carne
  • fai meno acquisti specialmente vestiti
  • spegni la luce se non ti serve
  • usa gli elettrodomestici negli orari di risparmio e il meno possibile
  • spegni le prese della tv e dello stereo quando non li usi
  • tieni pulito l'ambiente che ti circonda e non deturparlo tu stesso con cicche di seigarette, chewing gum e altro
  • usa meno la macchina

 F) come Fai la raccolta differenziata:

Se nella vostra città non si fa la raccolta differenziata comprate meno packaging, datevi allo sfuso con borse di stoffa e fate la compostiera se possibile;  riutilizzate il compost degli scarti di cibo e delle piante del vostro balcone seguendo ad esempio le istruzioni di Kia per la compostiera sul balcone.
Cercate di ridurre gli sprechi riciclando barattoli di vetro per fare le conserve e del cibo buttate il minimo consentito imparando ad usare gli scarti come fa Lisa Casali di Ecocucina. Risparmierete e avrete meno impatto sull'ambiente.
 
G) come Green: emissioni di anidride carbonica ed elettricità:
  • Vai in bicicletta se possibile e usa treno e tram o vai a piedi. In alternativa cerca di usare l'opzione gas invece di benzina sulla tua auto, anche se ciò non riduce di troppo le emissioni. Usa possibilmente meno l'aereoplano. vai in metrò. Non possiamo dipendere dal petrolio e dobbiamo assolutamente fare qualcosa per farlo il meno possibile.
  • Spegni la luce quando non ti serve 
  • guarda nella lista E) Ecologia nella vita di tutti i giorni


 

1 commento:

  1. Complimenti per le geniali e preziosissime considerazioni!!!!!
    Buona giornata e buon Lavoro!!!!!!!
    Maria.

    RispondiElimina

Grazie per la tua visita!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...