giovedì 15 novembre 2012

Torta vegan di mela antica piemontese "Pum dal Fort" e cannella

Devo ammettere che ultimamente sono stata un po' assente dal blog ma ho comunque continuato a cucinare e a fare ricerche in merito ai cibi e agli alimenti più interessanti, salutari e gustosi. 
Ho fatto le mie pause pranzo di lavoro in luoghi per me magici, dove le mie papille gustative hanno esplorato e la mia mente si è rilassata e per un momento ha fatto un viaggio, ho ascoltato la musica e ho sfogliato libricini di "Zuppe dal mondo" e mi sono presa il mio tempo.
Oggi non sono stata benissimo e allora sono stata a casa da lavoro con pigiama e maglione a mettere in ordine foto e ricette in attesa di essere pubblicate. 
Ma non solo, avendo ieri chiaccherato con una mia amica sull'argomento teglie per torta, ho fatto anche un sacco di ricerche sulle teglie in silicone e la loro salutarità o meno, sulle padelle in ceramica e sugli smalti per unghie (questo non c'entra con la cucina, essì.... ma è importante!!).
Devo dire che ho trovato davvero un sacco di opinioni e recensioni in rete che mi hanno abbastanza allarmata e per l'ennesima volta mi hanno aperto gli occhi sull'apparente normalità delle nostre abitudini o sulla nostra tranquillità nel seguire le mode del momento.Ci sono pareri discordanti sulla salutarità del silicone ad alte temperature e sulla salutarità dell'alimento cotto nel silicone; c'è chi dice che sono utilizzabili solo dopo la terza cottura (quindi le prime tre vanno buttate) e c'è chi dice che amici fidati hanno verificato personalmente in laboratorio l'innoquità della cosa. Ma allora, voi cosa ne pensate? Sapete qualcosa di più sull'argomento? 
Come ripeto spesso, la salute è importante ed essa viene molto influenzata dalle nostre abitudini alimentari e dallo stile di vita e pertanto anche dagli oggetti e dai prodotti che noi utilizziamo ogni giorno per fare cose di normale quotidianità come mangiare o lavarci. 
Questa è una cosa che io non ho capito subito nella mia vita perchè ho sempre dato per scontate un sacco di cose, infatti sono un ex fumatrice e ho sempre bevuto e mangiato non in modo esattamente corretto.
Ad un certo punto realizzi o cresci, non so cosa è accaduto a me, so solo che ho cominciato ad ascoltarmi e a  guardarmi dentro.
 Tornando a noi, nell'attesa di avere anche dei riscontri da voi lettori, vi offro un pezzetto di deliziosa torta alle mele e cannella per togliere il medico di torno :)...ma che mele....vi introduco le mele antiche raccolte nel pezzo di terra di mio suocero qui nel nostro bel Piemonte:






Ingredienti: 
due mele  Golden o Delicus (io ho usato quattro meline "Pum dal Fort" piccole di varietà antica)
200 g. di farina di farro
160 gr. di zucchero di canna Mascobado
250 g. di latte di riso  
1 bustina di lievito
granella di nocciole
due cucchiai di olio extra vergine d'oliva


Procedimento:
Settaciate la farina in una ciotola con il lievito, aggiungete lo zucchero, mescolate e aggiungete il latte di riso poco alla volta fino ad ottenere una consistenza cremosa. Aggiungete qualche mela tagliata a pezzetti all'impasto e un cucchiaino di cannella.
Versate in una tortiera a cerniera con carta da forno oleata e infarinata e dopo aver tagliato le mele a spicchietti, disponetele a ventaglio sulla torta creando una cornicetta (potete decorare tutta la base o solo il bordo) e cuocete in forno caldo a 180 gradi per circa 20 minuti.
Fate la prova dello stecchino per vedere se è cotta e quando vedete che esce lo stecchino pulito potete sfornare, poi fatela raffreddare su una gratella e servitela tiepida spolverandola con un po' di cannella e zucchero di canna Mascobado.

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per la tua visita!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...