giovedì 11 ottobre 2012

L'importanza dei nostri acquisti



Ma questa è la settimana dell'importanza di? Si, e perchè no? 
L'altro giorno l'importanza dei germogli, oggi degli acquisti.
Giusto oggi infatti ho finito di leggere il libricino "Guida alla Spesa Responsabile" [gli acquisti quotidiani che rispettano l'ambiente e le persone. Dove, come e perchè] del Collettivo FataLista edito Altreconomia che ho acquistato alla modicissima cifra di 9 euro in una delle botteghe di Altromercato.
144 pagine di consigli utili e spunti interessanti per questo importante compito quale è la spesa.
A furia di surfare in rete e di leggere e leggere sull'argomento, qualcosa sto imparando, infatti, leggendo questa mini guida, mi sono accorta che qualcosa già la sapevo e che beneomale il metodo descritto si avvicina molto alla mia idea e alle nostre scelte di tutti i giorni rigiardo agli acquisti.
C'è ancora molto da sapere sull'argomento e ci sono ancora tante cose che non ho ancora sperimentato (come il G.A.S. cioè gruppo di acquisto solidali) ma questa è la benzina che fa andare avanti la mia curiosità, al fine di riuscire con grande soddisfazione a vivere una vita intensa, consapevole, attenta, sana e rispettosa il più possibile delle persone e delle cose che ci circondano ma non soltanto nel piccolo cerchio intorno a noi, perchè il mondo è grande e non ruota solo intorno a noi.
La mia consapevolezza ha fatto toc toc alla mia testolina abbastanza tardi devo dire, piano piano, di soppiatto, e diciamo che ancora molte cose sono da rivedere e rimettere in quadro.
A partire dai quei ormai sporadici acquisti di abbigliamento che ancora faccio e al lavandino che a volte lascio un po' troppo aperto quando lavo i denti perchè il dentifricio mi brucia troppo per non sciacquarmi subito (opterò per un bicchiere). 
Per il resto ho la fortuna di avere ereditato la macchina dismessa da mio padre con l'impianto a gas che uso pochissime volte a settimana e per non più di 10 km al giorno, facciamo la spesa una volta a settimana  e compriamo solo il necessario come verdura e frutta fresca italiana, yogurt, legumi e pesce di qualità, in un supermercato cooperativa che ha prodotti di ottima qualità anche biologici, oltre che prodotti ecologici come fazzoletti e cartigienica in carta riciclata e molto altro come latte di riso, pasta della filiera agricola italiana.
Oltre a questo facciamo attenzione a non comprare troppi prodotti esotici, non compriamo prodotti non di stagione e guardiamo sempre etichetta e ingredienti in tutto e la spesa è sempre un  piacere perchè compriamo bene, spendiamo poco e stiamo insieme.
Molti negozi di vestiti oramai non li frequento più, posso dire di non entrarci neanche oramai e anche l'occhio è attentissimo ai negozi che spacciano i prodotti che vendono per naturali perchè oramai l'i.n.c.i. è il mio pane :), ma rimango pur sempre una fashion victim...aimè.
In alcuni negozi, dove sono sempre gentili e dove penso che i prodotti siano buoni a livello qualità prezzo ci vado ogni tanto e sempre guardando materiale impiegato, provenienza e qualità, compro qualche pezzo. Pensare che una volta non guardavo niente, compravo e basta.
Sto cominciando a guardare su internet articoli interessanti, etici, cuelty free e di ottima qualità e prezzo e mi sto facendo una cultura, quindi al più presto vi darò magari dei link, anche se molte aziende sono già abbastanza conosciute.
Con la macchina da cucire per ora mi sono confezionata solo una gonna e presto spero di fare altre cose con le mie manine, ma nel frattempo vado prevalentemente in bottega da Altromercato e lì, sono sincera, vorrei comprare tutto perchè ci sono degli articoli stupendi. 
Inoltre per le fashion victim come me, l'attuale stilista, ex stilista di grandi marchi di alta moda convertita all'equo e solidale, ha creato questa linea che ha cambiato e reso la moda sostenibile fruibile anche da chi vuole sempre sentirsi presentabile sul lavoro o ad un'evento importante ma vuole vestire sicuro e soprattutto sostenibile nei confronti di chi ha prodotto l'abito guadagnando equamente. Guardate il catalogo on line!
Personalmente comprare in bottega mi rende tranquilla e serena, c'è un'atmosfera molto bella e pulita, le persone che ci lavorano lo sono altrettanto e credono davvero in quello che fanno, alcune sono tuttora volontarie e stanno in bottega nel tempo che possono dedicargli. Anch'io ho chiesto di mettermi in lista perchè vorrei dare il mio contributo se possibile, sarebbe tempo ben speso e mi darebbe tanto in cambio. 
La vendita comprende abbigliamento, accessori casa, alimentari, liste nozze e molto altro.
Mi sono soffermata troppo? 
Forse si, ma questa sera è la sera del secondo appuntamento sull'importanza e ci sarebbe ancora tanto da dire, come ad esempio riguardo alla scelta sull'acquisto della cosmesi, dei prodotti per le pulizie e dei gruppi di acquisto, i mercati dei contadini, abbonarsi alle riviste on-line, ridurre i costi energetici, andare più in biblioteca e fare book parties con gli amici per scambiarsi libri che non ci sono piaciuti, regalare ciò che non ci serve. 
La sera però arrivo a casa e vorrei scrivere di tutto di più su questi argomenti ma il tempo è sempre così poco, si lavora tutto il giorno e a casa ancora, poi si cucina giustamente (stasera risotto alla zucca) e la stanchezza si fa sentire... eppure ci sono rimaste un'ora e mezza circa sino alla mezzanotte e non siamo stati un minuto con i nostri genitori e le nostre sorelle e giusto siamo riusciti a parlare durante la cena con il marito e poi dopo il lavaggio piatti suuu correre sul divano a scrivere mentre lui guarda la partita di basket e per fortuna ci fa le carezze...
Quindi scriverò di questi altri argomenti il primo giornon utile e by the way, oggi sono stata a pranzo in un'altra gastronomia-bistrot veg della mia città ma visto che voglio dedicargli due righe come si deve scrivo come già detto il prima possibile. 
Buonanotte.

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per la tua visita!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...