sabato 10 dicembre 2011

Sapone piatti

Ecco il sapone per i piatti fatto in casa:

Ingredienti:
Saponetta di marsiglia pura o in scaglie
un limone
olio essenziale di rosmarino
acqua

Procedimento:
Procuratevi una pentola che non è più adatta all'uso in cucina, una grattugia, un mestolo vecchio. Riducete a scaglie la saponetta di marsiglia o prendete direttamente le scaglie e mettetele in pentola con una dose d'acqua uguale a quella del sapone. Grattuggiate la buccia del limone e spremetene il succo e portate ad ebollizione girando continuamente. quando comincia a diventare denso spegnete il fuoco e girate ancora un minuto.
Aggiungete qualche goccia di olio essenziale di rosmarino che è un antibatterico, mescolate e travasatelo in un barattolo di vetro quando è ancora caldo eticchettandolo e mettendolo in un luogo sicuro lontano dalla portata dei bambini.
Il composto tende a solidificarsi ma con un cucchiaino si può estrarre la pasta per poi spalmarla sulla spugna umida e usarlo come un normale sapone piatti.


Mi raccomando fate sempre attenzione perchè ci sono delle controindicazioni di cui bisogna tenere conto quando si usano gli oli essenziali:


Visto che noi lo usiamo puro evitare il contatto con gli occhi, non usare in caso di pressione alta, gravidanza e allattamento, non dare ai bambini sotto i 12 anni e ai diabetici.
Evitare l'uso in soggetti epilettici; causa infatti, specialmente in casi d'iperdosaggio, irritazioni, convulsioni, vomito e principi di paralisi respiratorie.


CURIOSITA':


Descrizione dell'olio essenziale di rosmarino:

Famiglia botanica: Labiate
Profumo:
Fresco, balsamico, canforato.
Descrizione: ottenuto per distillazione a vapore delle foglie e delle sommità fiorite, contiene pinene, canfene, borenolo, cineolo, canfora e altre sostanze.
E' largamente impiegato in cosmesi per la produzione di profumi, shampoo e dentifrici, date le sue proprietà deodoranti, purificanti e stimolanti.
Proprietà: analgesico, antimicrobico, antinevralgico, antiossidante, antireumatico, antisettico, antispasmodico, afrodisiaco, astringente, cardiotonico, carminativo, cefalico, colagogo, coleretico, cicatrizzante, cordiale, citofilattico, diaforetico, digestivo, diuretico, emmenagogo, funghicida, epatico, ipertensivo, nervino, parassiticida, ricostituente, rubefacente, stimolante generale, stomachico, sudorifero, tonico, vulnerario, stimolante cortico surrenale
Indicazioni: anemia, anoressia, ansietà, apatia, arteriosclerosi, asma, astenia psico-fisica, atonia gastrica, bronchite, calcoli biliari, calcoli urinari, cirrosi epatica, clorosi, colecistite, colite, convalescenza, depressione, dismenorrea, dispepsia, dissenteria, emicrania, epatite, flatulenza, gastralgia, gotta, inappetenza, infezioni intestinali, influenza, insufficienza biliare, insufficienza cardiaca, iperviscosità sanguigna, ipercolesterolemia, ipotensione, ittero (causa epatite), leucorrea, menopausa, mestruazioni scarse, nevralgie, oliguria, pertosse, raffreddore, reumatismi, sciatalgia, varici, vertigini.
Uso esterno: acne, arteriosclerosi, capelli grassi e/o con forfora, dermatosi, eczemi, caduta dei capelli, scabbia, reumatismi, pidocchi, vene varicose, per allontanare gli insetti, per stimolare il cuoio capelluto e la crescita dei capelli, ritenzione idrica, dolori muscolari, contusioni, ecchimosi, crosta lattea, herpes.
Uso e dosi (per adulti): 3-4 gocce; due o tre volte al giorno in mezzo cucchiaino (da caffè) di miele o di zucchero.
Inalazione: 20-25 gocce in mezzo litro d'acqua calda.
Uso topico: Diluire al 5 - 10 % in olio di jojoba o mandorle dolci e frizionare.
Diluire al 5 - 10 % in soluzione alcolica e frizionare.
In acqua da bagno: diluire 20-30 gocce d'essenza.

Diffusore d'essenza 10 gocce per profumare l'ambiente.
Evaporazione alcune gocce su un fazzoletto, sul cuscino, nella vaschetta dei caloriferi, ecc. eccellente per purificare l'aria della stanza di un ammalato.
Massaggio da 6 a 8 gocce in 2 cucchiai di olio base massaggiare sulla pelle.
Bagno da 4 a 10 gocce nell'acqua della vasca è consigliata acqua tiepida.
Doccia 3-4 gocce su un guanto di spugna bagnato massaggiare delicatamente tutto il corpo
Inalazioni 5-8 gocce portare ad ebollizione acqua, toglierla dal fuoco, aggiungere le gocce di essenza, coprire il capo con un asciugamano e respirare il vapore benefico.
Frizioni 2-3 gocce di essenza diluite in una base alcolitica frizionare sulla regione cutanea corrispondente all'organo affetto fino al riscaldamento della parte.
Pot-pourri 10 gocce rigenera il profumo dei vostri fiori secchi e pot-pourri.
Inoltre, gli oli essenziali sono utili per pediluvi, maniluvi, semicupi, ecc



Nonostante si possa guardare agli oli essenziali e alle piante come cose naturali = sicure, ci si può sbagliare.
Consultare sempre un erborista di fiducia e il medico prima di utilizzarli per scopi terapeutici e non solo e non fare autodiagnosi perchè è rischioso. Affidarsi sempre agli esperti!


Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per la tua visita!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...